ARTICOLIGiustizia ambientale ed ecologicaPER APPROFONDIRE

Greta Thunberg, “cambiamento climatico” e capitalismo

Di Marcelo Colussi – utopiarossa.blogspot.com del 31 ottobre 2019

Il “Fiore delle Indie”, come le chiamavano Marco Polo quando le incontrava: le milleduecento isolette e isolotti corallini sparsi nell’Oceano Indiano, meglio noto come le Maldive, con i suoi 400.000 abitanti (al giorno d’oggi un paradiso turistico … per coloro che possono pagare per il viaggio). Tutte queste isolette sono condannate a scomparire sotto le acque degli oceani in un arco di non più di 40 anni se il riscaldamento globale del nostro pianeta continua – fondamentalmente a causa dell’eccessiva emissione di gas serra , in particolare l’anidride carbonica (CO2) – e il conseguente scioglimento delle calotte polari e dei ghiacciai che porterebbe all’aumento della massa liquida della superficie terrestre. La cosa divertente – tragicomica? Incomprensibile? – è che gli abitanti di questa regione geografica non hanno versato praticamente un grammo di questo inquinante.

Questo esempio straziante è chiaramente dimostrativo di come funziona il disastro ecologico in corso: non c’è nessun abitante del pianeta, in nessun momento, esente dalle gravi conseguenze degli effetti che si stanno verificando a causa delle variazioni del clima. La progressiva mancanza di acqua dolce, il degrado dei suoli e la conseguente perdita della loro fertilità, i prodotti chimici tossici che inondano il globo, la crescente desertificazione, il riscaldamento globale, il diradamento dello strato di ozono che è aumentato del 1.000% l’incidenza del cancro della pelle negli ultimi anni, l’effetto serra negativo che ci annega, lo scioglimento del permagel, le infinite tonnellate di rifiuti non biodegradabili che invadono gli oceani o la possibilità di un collasso universale dalla contaminazione genetica dei prodotti transgenici sono tutte conseguenze di un modello predatorio che non ha sostenibilità nel tempo. Quanto ancora si può resistere a questa spietata devastazione delle risorse naturali?

Oggi abbiamo ripetutamente parlato del cambiamento climatico ma c’è un errore, un inganno ben progettato – quindi lo inseriamo in modo provocatorio tra virgolette. Presentarlo come “cambiamento climatico” può implicare che si tratta di un fenomeno naturale, una modifica spontanea di fattori ambientali. La realtà, tuttavia, è molto diversa. Non ci sono cambiamenti climatici ma disastri e catastrofi ambientali come conseguenza dell’attuale modello di produzione e consumo. In altre parole: è il capitalismo a prevalente come sistema dominante su scala globale, che sta producendo queste tremende modifiche che, per esempio, inonderanno le Maldive, per non dire altro.

Ma le conseguenze vanno infinitamente al di là delle inondazioni di questo paradiso tropicale, il punto di ritrovo del turismo sofisticato. Milioni e milioni di persone sono già gravemente colpite: terre che diventano incolte, fiumi che si seccano, acque oceaniche che avanzano sui continenti, ondate di calore insopportabili che uccidono, tempeste insolitamente devastanti, fame, sete e disperazione costituiscono il panorama globale che è già in atto. E che, se il corso degli eventi non viene modificato, minaccia di diventare molto più serio.

Tutto ciò non è un semplice “cambiamento” naturale: ha cause molto precise e chiaramente identificabili e correggibili. È il modo di produzione che ha prevalso trionfante 200 anni fa, oggi assolutamente globalizzato, focalizzato su un’enorme produzione per il mercato, rendendo tutto sostituibile, presto obsoleto e promuovendo una folle e insostenibile cultura del consumo e spreco. Quello che succede è che il pianeta Terra, la fonte ultima di tutta la materia prima che l’industria trasforma e vende attraverso attraenti vetrine che ci manipolano con pubblicità frenetiche, ha dei limiti. E stiamo raggiungendo quel limite invalicabile.

Questo ci porta a pensare, forse con un’aria di fantascienza, che i proprietari delle grandi capitali che fissano le linee guida di come va il mondo, conoscendo tutta questa catastrofe, hanno già la loro alternativa: una vita “perfetta” da qualche parte al di fuori del pianeta, totalmente artificiale, lontano dalla decadente catastrofe mondana. Insisto: senza sapere se ciò fosse possibile, i responsabili della catastrofe – che non sono esattamente i governi, ma quelli che li influenzano: le mostruosamente grandi capitali globali non sembrano avere interesse a fermare il disastro in corso. Finché ci sarà petrolio da estrarre, questa modalità predatoria continuerà.

Da qualche tempo il sistema capitalista ci ha messo in guardia. Alcuni continuano a negarlo, ma in generale c’è un certo riconoscimento. Quello che succede è che il problema è banalizzato, l’enfasi è sulla scomparsa di orsi polari o panda – senza negare che ciò sia estremamente importante – dimenticando la dimensione della catastrofe umana presente. E gran parte di ciò che viene fatto è chiamare la popolazione, in quanto responsabile della questione, ad avere comportamenti “meno aggressivi” nei confronti dell’ambiente. Quindi, vengono sviluppate campagne di “consapevolezza ecologica”: riciclare, non usare la plastica, usare di più la bicicletta, chiudere bene i rubinetti, non usare cannucce per le bevande e molto altro.

Tutto ciò è corretto, ma il principio stesso di ciò che è alla base non viene toccato: il sistema capitalista predatore. Ecco cosa porta a pensare che un vero cambiamento della situazione climatica non è possibile se il sistema non cambia. Ecco perché è possibile – e necessariamente urgente! – parlare di un eco-socialismo.

Nel mezzo di questa discussione, una ragazza svedese di 16 anni, Greta Thunberg, che è già diventata una figura pubblica internazionale, ha acquisito una rilevanza insolita. Di recente ha affermato chiaramente: “Chi ci dirige non ha compreso appieno l’entità del problema. Sono totalmente fuori posto. Pensano che piccoli aggiustamenti, piccole azioni, piccole cose possano risolvere il problema quando affrontiamo una grande crisi esistenziale ”. Quello che è stato chiamato “il fenomeno Greta” è in forte espansione.

Senza prendere la minima rilevanza di questa giovane attivista ambientale, e senza cadere nella misoginia e infamia degli adulti con lo scopo di denigrarla per le sue condizioni autistiche, prendendo in giro la sua età o vedendo il suo messaggio come qualcosa di obsoleto, la domanda è: perché Tutto lo trasforma in uno spettacolo?

Un problema tremendamente complesso e grave di conseguenze fatali come la CATASTROFE ECOLOGICA dovuta al capitalismo – e non a un “cambiamento climatico”- tende a essere presentato come uno spettacolo audiovisivo, focalizzando tutto sul figura di una persona, evitando così di vedere la grandezza globale della questione. Greta Thunberg può finalmente essere usato come distrattore.

Salutiamo questa giovane donna che denuncia ciò che sta accadendo e completiamo il suo messaggio con una chiamata a capire che non può esserci una soluzione reale – e neppure una semplice palliativa – nel quadro della produzione e del consumo capitalisti.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
I agree to have my personal information transfered to MailChimp ( more information )
Autorizzo La Rete dei Numeri Pari a processare i miei dati personali secondo il Decreto Legislativo 196/2003 e/o successive integrazioni o modifiche
Noi odiamo lo spam. I tuoi dati saranno usati in conformità al Regolamento (UE) 2016/679