ARTICOLIPER APPROFONDIRE

La scienza della (non) fine della povertà globale

Di Aparna Gopalan * – The Nation

I vincitori del premio Nobel 2019 in economia rappresentano un nuovo ceppo di pensiero neoliberista.

Nel 1974, l’economista austriaco neoliberista Friedrich Hayek ricevette il premio Sveriges Riksbank di recente istituzione in Scienze economiche in memoria di Alfred Nobel. Nel suo discorso di accettazione, Hayek dichiarò senza mezzi termini: “Se fossi stato consultato se stabilire un premio Nobel per l’economia, avrei dovuto decisamente sconsigliato”. Tale premio, sostenne, “conferisce a un individuo un’autorità che in economia nessun uomo dovrebbe possedere.”

Gli economisti sono diversi dai fisici o dai chimici in quanto esercitano un enorme potere sui laici senza essere soggetti a quasi nessuna responsabilità democratica. Concedere loro un’adulazione senza pensarci, come ha capito anche Hayek, sarebbe una cosa pericolosa. Anche se le cautele di Hayek contro l’autorità degli economisti sono state radicate nella sua convinzione che i mercati siano “inconoscibili” e quindi meglio non regolamentati, vale comunque la pena ascoltarli, ma non sono stati ascoltati. Dagli anni ’70, gli economisti hanno goduto di un successo senza pari nell’affermarsi come autorità indiscutibili: “Bisognerebbe guardare alla storia delle religioni per trovare qualcosa del genere”, osserva David Graeber in un recente saggio di New York Review of Books.

Tutta questa fiducia negli economisti – e la loro convinzione a lungo che la crescita, per quanto disuguale, sia buona – ci ha aiutato a raggiungere livelli storici di disuguaglianza, una crisi globale di disoccupazione cronica soprattutto tra i giovani e, nonostante molta falsa pubblicità, un aumento della povertà globale documentato da studiosi come Sanjay Reddy, Camelia Minoiu, Arjun Jayadev e Rahul Lahoti.

Eppure, gli sforzi degli economisti di farsi passare come scienziati continuano. Prendi gli economisti dello sviluppo Abhijit Banerjee e Esther Duflo — due dei premi Nobel per il 2019 — che iniziano il loro nuovo libro, Good Economics for Hard Times, lamentando che gli economisti sono tra gli esperti meno fidati su entrambe le sponde dell’Atlantico, battendo anche le previsioni meteorologiche. I nuovi vincitori naturalmente non vedono questo come uno sviluppo positivo: invocano il termine “deficit di fiducia” per discutere di come riparare la disillusione del pubblico. La richiesta di “fiducia” arriva in un momento in cui, dopo il 2008, sempre più persone non vedono l’economia come una scienza. A differenza di particelle e forze, “economie” e “mercati” sono fatti dalle persone. Gli economisti creano i sistemi che sostengono semplicemente di descrivere. La loro ricerca fa avanzare le loro risposte, spesso pro-ricchi, alle domande politiche e morali di “Come dovremmo distribuire potere e risorse?” mentre pretende solo di spiegare la domanda tecnica “Come funziona l’economia?” le persone si stanno rendendo conto che potrebbe essere diversamente.

Ma anche se la fiducia negli economisti inizia a essere messa in discussione in Occidente, quando si parla di “mondo in via di sviluppo”, molti economisti continuano a godere di libero sfogo. I premi Nobel 2019 sono un esempio emblematico. Lungi dall’essere assillati dalla sfiducia di cui si preoccupano nel loro nuovo libro, Banerjee e Duflo cavalcano un’ondata di profili NPR e incontri con vari primi ministri. Il loro lavoro, incrociando la scienza con l’umanitarismo – potreste persino chiamarlo un tentativo di “salvare” i poveri neri e marroni – è stato un successo immediato con i liberali occidentali. E anche se la politica sulla povertà in Occidente, sebbene lentamente, viene intesa come una questione politica che ha a che fare con il potere e la disuguaglianza, la povertà nel Sud del mondo continua a essere trattata come una questione scientifica, che richiede dati e deferenza piuttosto che democrazia e dissenso.

La povertà nel Sud del mondo è sempre stata una questione politica, che ha a che fare sia con il denaro che con il potere. Per fare solo un esempio, dagli anni ’80 il FMI e la Banca mondiale, su consiglio di economisti e banchieri, hanno attuato politiche devastanti di adeguamento strutturale (SAP) in tutto il Sud del mondo in base alle quali ai paesi sul punto di inadempiere ai loro prestiti (non rimborsabili) veniva offerto il rifinanziamento del debito, con criteri ancora più stringenti. Per ottenere nuovi prestiti, i paesi dovevano smantellare la spesa pubblica, privatizzare i servizi statali vitali e rimuovere le tutele commerciali per le imprese nazionali. Grazie ai SAP, la povertà e la disuguaglianza sono aumentate drammaticamente in tutto il Sud del mondo alla fine del XX secolo. Dal 1981, si stima che la popolazione povera del mondo sia aumentata di 1 miliardo, un numero che l’antropologo della London School of Economics Jason Hickel ci ricorda che è tre volte più grande della popolazione degli Stati Uniti.

I SAP hanno affrontato decenni di intense proteste da parte dei poveri del Sud del mondo, al punto che dalla fine degli anni ’90 hanno dovuto essere rinominati come “Documenti di strategia per la riduzione della povertà” o PRSPS. Questi continuano semplicemente la privatizzazione e l’austerità con un nome diverso. “La forza del nuovo consenso”, come notano David Craig e Doug Porter, “era evidente nel fatto che [il FMI e la Banca mondiale] discutevano a malapena l’efficacia dell’ortodossia di mercato neoliberista che stava alla base”. Invece, dal 2000, insidiosi progetti di privatizzazione e di sostegno a favore dei ricchi sono stati realizzati non attraverso un assalto macroeconomico diretto, ma piuttosto intervenendo nella “organizzazione delle rubriche e dei mezzi tecnici” della prestazione di servizi.

I vincitori del 2019 sono un prodotto del loro tempo. Invece di predicare apertamente il fondamentalismo del mercato, i vincitori ignorano la devastazione causata dai processi coloniali e neocoloniali come i SAP, rimuovono silenziosamente la questione del ripristino dei bilanci pubblici dal tavolo e gettano le basi per un’ulteriore privatizzazione, deregolamentazione e defunding (impedire di continuare a ricevere fondi) a tutti i livelli dell’economia. Ancora più impressionante, fanno sembrare il loro lavoro apolitico, se non addirittura benevolo, parallelamente alla capacità della Banca Mondiale di adottare un’impiallacciatura sempre più a favore dei poveri, pur sostenendo politiche sempre più sfavorevoli. Gli economisti dello sviluppo, che sembrano intrinsecamente più nobili e più liberali delle loro controparti macroeconomiste che inducono crisi, potrebbero in effetti essere più pericolosi per i poveri del mondo. Se si vuole mettere in discussione l’ingiustizia della povertà globale, il loro lavoro merita un intenso controllo, non una celebrazione acritica.

Abhijit Banerjee riconosce che il Nobel del 2019 è stato una vittoria non per i singoli studiosi ma anche per il loro più ampio “movimento” di utilizzo del “metodo sperimentale” nell’economia dello sviluppo. Traendo ispirazione dai Randomized Controlled Trials (RCTs) – esperimenti di laboratorio utilizzati nei settori della medicina e della salute pubblica – i randomisti (come vengono chiamati i sostenitori del movimento di Banerjee) iniziarono a trattare le vite dei più poveri come un gigantesco laboratorio a cielo aperto. Invece di studiare le iniziative già esistenti per capire cosa riduce la povertà, i randomisti hanno introdotto i propri interventi a gruppi di poveri scelti casualmente. A un gruppo potrebbero essere fornite gratuitamente cure anti-malaria e un altro con il 75% di sconto, per esempio; i due sarebbero quindi confrontati per verificare l’impatto del prezzo sull’utilizzo delle cure. Più economico era aiutare i poveri, suggeriva la saggezza randomista, più persone potevano essere aiutate.

Banerjee e Duflo hanno affermato che gli economisti randomisti perseguono una semplice riparazione tecnica priva di qualsiasi ideologia, proprio come il modo in cui gli idraulici potrebbero riparare un drenaggio intasato o gli ingegneri potrebbero costruire una passerella. Ma molti economisti non sono d’accordo. Il lavoro di Randomistas è perseguitato da presupposti metodologici, etici e politici che non seguono alcuna legge della fisica. I risultati della RCT dal Kenya si applicano all’India? Cosa dà agli economisti la licenza di usare i poveri come cavie?

Quindici esperti di sviluppo, tra cui tre ex vincitori del Nobel, hanno denunciato pubblicamente i metodi randomisti in The Guardian nel 2018, riconoscendo che gli RCT nello sviluppo ignorano le cause alla radice della povertà, restringono eccessivamente le dimensioni del problema e si concentrano esclusivamente su questioni comportamentali, gettando la povertà come problema di cattive scelte.

Le solide critiche sono necessarie e devono essere estese. La nuova economia dello sviluppo non solo ignora i determinanti strutturali, ma promuove anche l’austerità come soluzione all’austerità esistente, proponendo maggiori disuguaglianze capitaliste come soluzione alla povertà nel Sud del mondo.

Facciamo un esempio: il lavoro dei vincitori del 2019 sull’istruzione. La domanda con cui hanno iniziato era: in India, in Kenya, i bambini imparano a scuola? La risposta fu un clamoroso “no” che portò alla domanda successiva: perché? Di fronte a genitori non istruiti, classi di grandi dimensioni, assenteismo degli insegnanti, mancanza di libri di testo e assenza di pasti a mezzogiorno, i vincitori hanno deciso di scegliere tra questi problemi invece di aggiungerli. Qual era il problema? Libri di testo mancanti o pasti mancanti a mezzogiorno? Vermi in pancia o classi di grandi dimensioni? Si è scoperto che il problema erano gli insegnanti. I punteggi dei test sono migliorati quando i bambini poveri hanno ricevuto lezioni correttive post-scolastiche offerte dai lavoratori delle ONG “para-professionali”; quando giocavano a giochi educativi per computer gestiti anche questi da lavoratori delle ONG; quando i ricercatori hanno assunto insegnanti a contratto che erano molto più “motivati” (leggi: disperati ringraziano di un impiego insicuro) rispetto alle controparti di ruolo; e quando i ricercatori hanno messo le macchine fotografiche nelle scuole e hanno iniziato a pagare gli stipendi ogni giorno per gli insegnanti permanenti persi.

Tutto ciò oscura il semplice fatto che – secondo i calcoli effettuati nell’ambito della ricerca di dottorato ad Harvard – l’India spende lo 0,3% del PIL pro capite su ciascun bambino. In confronto, gli Stati Uniti spendono il 26%. Molte prove di controllo randomizzate esistenti sono distorte sin dall’inizio perché tralasciano questa variabile più significativa al di fuori del quadro di misurazione. Anche all’interno del metodo RCT, potrebbe esserci spazio per porre domande migliori. Perché non offrire a una scuola selezionata a caso fondi pubblici sufficienti e confrontarla con una scuola sottofinanziata? Perché non provare ad aumentare gli stipendi degli insegnanti o a rendere il loro lavoro più sicuro? Perché non migliorare i programmi di certificazione degli insegnanti e aumentare gli standard?

Invece, la strategia dei vincitori cerca di ottenere una scuola povera per produrre gli stessi risultati educativi di una scuola ben finanziata, solo senza il finanziamento. In effetti, tutte le soluzioni comportano in realtà ulteriori tagli ai già scarsi budget delle scuole pubbliche: una retribuzione degli insegnanti inferiore e un personale docente permanente inferiore. Le loro “piccole soluzioni” non solo lasciano il governo fuori controllo e non riescono a risolvere i problemi politici alla base della questione, ma tendono anche a peggiorare tali problemi sostenendo ulteriori privatizzazioni e deregolamentazioni.

Ad esempio, Abhijit Banerjee ha suggerito che la soluzione alla crisi sanitaria in India potrebbe consistere nel legalizzare i praticanti non addestrati (ciarlatani) utilizzando “un semplice test che consente al governo di certificare questi professionisti come operatori di estensione della salute”. Questa è l’ennesima strategia economica basata sulla deregolamentazione che consente ulteriori tagli ai budget sanitari.

Il lavoro dei vincitori risponde in modo simile ai problemi che vanno dalla fame al credito, non solo ignorando le determinanti strutturali della povertà, ma sostenendo attivamente il defunding pubblico e facendo avanzare i mercati non regolamentati come soluzioni di sviluppo. In questo contesto, altri RCT in India che studiano come indurre i lavoratori a retribuzione giornaliera ad accettare salari più bassi non appaiono come aberrazioni ma come punti logici della pericolosa tendenza iniziata dai tanto ammirati vincitori del 2019 e dai loro seguaci.

In un rivelatore articolo del 2006 su Boston Review, Abhijit Banerjee ha classificato i potenziali interventi per aumentare la frequenza scolastica in base ai loro prezzi: sverminazione (costa $ 3,25 per bambino all’anno), pasti scolastici ($ 35), divise ($ 100), trasferimenti in contanti alle famiglie ($ 6.000). “Scegliere l’opzione sbagliata”, osserva cupamente, “può essere davvero molto costoso.” Per Banerjee, “costo” qui non si riferisce in modo enfatico ai bambini che hanno vermi nello stomaco o che hanno fame; si riferisce invece al denaro extra che i donatori potrebbero finire per pagare se la scelta “sbagliata” fosse fatta tra sverminazione, pasti, uniformi e redditi familiari.

Nel frattempo, i vincitori vivono a Cambridge, nel Massachusetts, una città il cui sistema scolastico pubblico spende un totale di $28.000 per alunno all’anno. Gli insegnanti di queste scuole si presentano sempre. Non sono solo di ruolo ma sindacalizzati. Gli studenti frequentano la scuola e invariabilmente imparano a leggere e scrivere. Ci sono infermieri scolastici, nutrizionisti, consiglieri, preparatori atletici, c’è una caffetteria e c’è del sapone nei bagni. Il successo delle scuole pubbliche di Cambridge non deve essere un mistero: è perché sono finanziati e regolamentati (e lavorano in tandem con un più ampio regime di beni pubblici) che i risultati sono buoni.

Se la direzione della causalità non è chiara, provate (come suggeriscono i conservatori) a ridurre del 99 percento i budget delle scuole pubbliche di Cambridge. I punteggi dei test precipiteranno. Insegnanti ben preparati e studenti più ricchi partiranno per le scuole private. Verranno assunti insegnanti non qualificati che smetteranno di venire in classe. Immaginate se, per rispondere a questa crisi, gli economisti raccomandassero di mettere gli scolari di Cambridge in un dopo scuola con una ONG, installare telecamere per monitorare gli insegnanti permanenti, diminuire le loro retribuzioni se non erano in classe e sostituire gli insegnanti permanenti con caratteri più “motivati” – tutto mentre il restante 1% del budget dell’istruzione pubblica è stato ulteriormente tagliato e il sistema scolastico pubblico è stato ceduto ai volontari di Teach for America.

Se un economista raccomandasse di tagliare il personale a tempo indeterminato nelle scuole pubbliche degli Stati Uniti, sarebbe considerato come chiedere di privatizzare un bene pubblico. Alcune persone, soprattutto i conservatori e i ricchi, lo farebbero sicuramente, ma molti no: basta guardare al dibattito transatlantico in corso sul destino dell’assistenza sanitaria pubblica. Ma poiché è l’India, perché è il Kenya e perché parliamo di “sviluppo”, pochi possono indirizzare l’agenda politica dell’economista. È come se nel Sud del mondo non ci fosse destra e sinistra, solo il “avanti” neutrale e scientifico. I paesi del Sud del mondo sono regolarmente trasformati in eccezioni politiche. Ad esempio, anche se gli RCT dei vincitori del 2019 hanno ripetutamente ignorato i contesti locali durante il ridimensionamento degli esperimenti, il loro lavoro non ha mai tentato di violare la specificità del luogo del “mondo sviluppato”. Se avessero voluto ridimensionare i modelli di successo da qualsiasi posizione decontestualizzata che mostra una buona esperienza, perché non ridimensionare Cambridge invece dell’India?

È ipocrita sedersi a Cambridge, godere del suo regime relativamente solido di beni pubblici e comportarsi come se i beni pubblici non avessero nulla a che fare con il benessere di indiani e kenioti. I ricchi non sono mai stati sperimentati dagli economisti per diventare ricchi e nessun RCT è stato condotto a Cambridge prima di decidere di spendere $28.000 per studente all’anno. Queste non sono domande di scienza che devono essere lasciate agli esperti. Sono domande politiche che richiedono soluzioni politiche, anche nel Sud del mondo. La gente comune lo capisce sempre di più, ma molti economisti no. In uno sgargiante profilo newyorkese del 2010 di Esther Duflo, l’economista francese è raffigurato con i poveri agricoltori ruandesi le cui vite sostiene di migliorare. Come se posare per una foto del salvatore bianco non fosse abbastanza condiscendente, l’immagine è accompagnata da un articolo in cui Duflo sostiene: “La maggior parte delle persone che non sono economisti non la capiscono. Non hanno idea che ci siano vincoli di budget “.

Ma se c’è una cosa che i lavoratori di tutto il mondo possono capire, sono i vincoli di bilancio. Ciò che capiscono è anche l’ipocrisia e l’ingiustizia di quei vincoli, che sono sempre e solo applicati a loro, non ai miliardari o al FMI. Nelle strade di tutto il mondo, la gente rifiuta l’austerità guidata dall’FMI e il fanatismo del mercato e chiede un risarcimento per le iniquità di lunga data. Le organizzazioni di sviluppo si stanno unendo, riconoscendo che essere liberali in patria e capitalisti all’estero non risolverà la povertà. Oxfam ha in particolare preso la posizione inequivocabile secondo cui la povertà nel Sud del mondo sarà risolta come nel Nord del mondo: tassazione progressiva, finanziamenti pubblici per i servizi di base e protezione del lavoro.

Il messaggio è chiaro: la buona economia non è la scienza missilistica per coloro che hanno una comprensione dell’ingiustizia strutturale e una bussola morale. È tempo di smettere di delegare il nostro pensiero sulla povertà agli economisti dello sviluppo apparentemente benevoli, specialmente quelli che sembrano non avere nessuno dei due.

* Aparna Gopalan è una scrittrice ed educatrice che persegue il suo dottorato di ricerca presso l’Università di Harvard. La sua ricerca si concentra sulla riproduzione della disuguaglianza e della povertà nell’India rurale.

https://www.other-news.info/2020/01/the-science-of-not-ending-global-poverty/

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
I agree to have my personal information transfered to MailChimp ( more information )
Autorizzo La Rete dei Numeri Pari a processare i miei dati personali secondo il Decreto Legislativo 196/2003 e/o successive integrazioni o modifiche
Noi odiamo lo spam. I tuoi dati saranno usati in conformità al Regolamento (UE) 2016/679