ARTICOLICoronavirusPER APPROFONDIREVerso l'Internazionale della Terra

Boaventura de Sousa Santos: “La tragica trasparenza del virus”

6 aprile 2020 – di Boaventura de Sousa Santos *

I dibattiti culturali, politici e ideologici di oggi sono impregnati di una strana opacità, il risultato della loro rimozione dalla concreta esperienza quotidiana della stragrande maggioranza delle persone – cittadini comuni, o la gente de a pie, come si dice in America latina. Questo è particolarmente vero per la politica, che dovrebbe essere il mediatore tra ideologie, bisogni e aspirazioni dei cittadini, ma ha invece evitato quel ruolo. Qualunque sia la mediazione che ancora rappresenta, questa va ai bisogni e alle aspirazioni dei mercati, quel mega cittadino informe e mostruoso che nessuno ha mai visto, toccato o annusato, uno strano cittadino dotato di diritti ma senza vincoli. È come se fossimo accecati dalla sua luce. Poi, all’improvviso, scoppia la pandemia, la luce dei mercati svanisce, e dall’oscurità – con cui siamo sempre minacciati se non promettiamo a loro la nostra fedeltà – emerge una nuova chiarezza: chiarezza pandemica e apparizioni che portano alla luce. Le cose che ci permette di vedere e il modo in cui vengono interpretate e valutate determineranno il futuro della civiltà in cui viviamo. A differenza di altre apparizioni, queste sono reali e sono qui per restare.

La pandemia è un’allegoria

Il significato letterale della pandemia di coronavirus è la paura caotica diffusa e la morte sconfinata causata da un nemico invisibile, ma in realtà dice molto di più. Ecco alcuni dei significati in esso contenuti. L’invisibile onnipotente può essere l’infinitamente grande (il dio delle religioni del libro), oppure può essere l’infinitamente piccolo (il virus). Un altro essere onnipotente invisibile, né grande né piccolo, poiché è deforme, è emerso in tempi recenti: i mercati. Come il virus, muta in modi insidiosi e imprevedibili e, come Dio (Santissima Trinità, incarnazioni), è allo stesso tempo uno e multiplo. Sebbene singolare, si esprime al plurale. A differenza di Dio, i mercati sono onnipresenti in questo mondo e non nell’aldilà e, a differenza del virus, è una benedizione per i potenti e una maledizione per tutto il resto (la stragrande maggioranza degli umani e l’intera vita non umana). Sebbene onnipresenti, tutti questi esseri invisibili si adattano al loro spazio specifico: virus nei corpi, dio nei templi, mercati nelle borse. Al di fuori di questi spazi, l’essere umano è un senzatetto trascendentale.

Soggetti a così tanti esseri imprevedibili e onnipotenti, gli umani e l’intera vita non umana da cui gli umani dipendono, sono estremamente fragili. Nel caso in cui tutti quegli esseri invisibili rimangano attivi, la vita umana sarà presto (e probabilmente lo è già) in pericolo di estinzione. È soggetta a un ordine escatologico e la sua fine è a portata di mano. La feroce teologia intessuta attorno a questa escatologia contiene vari livelli di invisibilità e imprevedibilità. Dio, virus e mercati sono le formulazioni dell’ultimo regno, il più invisibile e imprevedibile, il regno della gloria celeste o della perdizione infernale. Solo coloro che sono salvati, il più forte di tutti (il più santo, il più forte, il più ricco) vi ascenderanno. Sotto quel regno si trova il regno delle cause. È il regno delle mediazioni tra l’umano e il non umano. L’invisibilità qui è meno rarefatta, ma è creata da luci intense che proiettano ombre spesse sul regno. Questo regno è composto da tre unicorni. Questo è ciò che Leonardo da Vinci aveva da dire sull’unicorno: “L’unicorno, attraverso la sua intemperanza e non sapendo come controllarsi, per l’amore che porta alle fanciulle gentili dimentica la sua ferocia e il suo essere selvaggio; e mettendo da parte ogni paura, giungerà ai piedi di una fanciulla seduta e si coricherà sul suo grembo. Così i cacciatori lo prenderanno.

In breve, l’unicorno è un onnipotente, oltre che feroce e selvaggio, ma ha un punto debole, in quanto soccombe all’astuzia di coloro che sono in grado di individuarlo.

I tre unicorni sono, sin dal 17 ° secolo, capitalismo, colonialismo e patriarcato – i principali modi di dominazione. Per governare efficacemente, anche loro devono essere intemperanti, feroci e inclini a sfuggire al controllo, come avverte Da Vinci. Pur essendo onnipresenti nella vita degli esseri umani e delle società, sono essenzialmente invisibili, così come l’interconnessione essenziale tra di loro. Tale invisibilità è il risultato di un senso comune inculcato negli esseri umani attraverso l’educazione e l’indottrinamento permanente. Questo senso comune è evidente e contraddittorio allo stesso tempo. Tutti gli esseri umani sono uguali (così dice il capitalismo); ma dato che esistono differenze naturali tra loro, l’uguaglianza tra gli inferiori non può essere la stessa dell’uguaglianza tra i superiori (così dicono colonialismo e patriarcato).

Contrariamente a quanto pensa Da Vinci, la ferocia dei tre unicorni non deriva dalla sola forza bruta. Deriva anche dall’astuzia che permette loro di cancellare se stessi rimanendo vivi o apparire deboli quando sono ancora forti. La prima forma di astuzia viene mostrata attraverso una molteplicità di scaltrezze. Così, ad esempio, il capitalismo sembrava essere scomparso da un’intera parte del mondo dopo il trionfo della rivoluzione russa, ma si è scoperto che era appena entrato in letargo all’interno dell’Unione Sovietica e ha continuato a controllarla dall’esterno (capitalismo finanziario , contro-insurrezione). Oggi la vitalità del capitalismo ha raggiunto il culmine nel seno del suo più grande nemico di tutti i tempi, il comunismo, in un paese – la Cina – che presto diventerà la più grande economia del mondo. Quanto al colonialismo, ha falsificato la sua stessa scomparsa dopo che le colonie europee sono diventate indipendenti, ma in realtà è sopravvissuto, ora trasformato in neocolonialismo, imperialismo, dipendenza, xenofobia, razzismo, espulsione di popolazioni indigene e contadini dalle loro terre ancestrali per costruire megaprogetti, ecc. Infine, il patriarcato dà l’idea che stia morendo o si indebolisca sulla scia del significativo trionfo dei movimenti femministi negli ultimi decenni, ma la verità è che la violenza domestica, la discriminazione sessuale e il femminicidio sono in costante aumento. La seconda dimostrazione di astuzia consiste nel far sembrare il capitalismo, il colonialismo e il patriarcato come entità separate che non hanno nulla a che fare l’una con l’altra. La verità è che nessuno degli unicorni ha il potere di governare da solo. Solo il trio li rende onnipotenti. In altre parole, finché ci sarà il capitalismo, ci sarà colonialismo e patriarcato.

Il terzo regno è il regno delle conseguenze. Questo è il regno in cui i tre poteri onnipotenti mostrano il loro vero volto. Questo è lo strato che la stragrande maggioranza delle persone è in grado di vedere, anche se con qualche difficoltà. Attualmente, questo regno possiede due paesaggi principali in cui si mostra nella sua forma più visibile e crudele: la scandalosa concentrazione di ricchezza/estrema disuguaglianza sociale; la distruzione della vita sul pianeta/imminente catastrofe ecologica. Con questi due brutali paesaggi, i tre esseri onnipotenti e le loro mediazioni offrono un assaggio di dove stiamo andando se persistiamo nel vederli come onnipotenti. Ma sono davvero onnipotenti? O è il caso che la loro onnipotenza sia solo lo specchio dell’incapacità indotta degli esseri umani a combatterli? Questa è la domanda!

La realtà a piede libero e l’eccezionalità dell’eccezione

La pandemia dà una caotica libertà alla realtà e ogni tentativo di catturarla analiticamente è destinato a fallire, perché la realtà è sempre un passo avanti rispetto a ciò che pensiamo o sentiamo al riguardo. Teorizzare o scrivere al riguardo significa porre le nostre categorie e il nostro linguaggio al limite dell’abisso. È concepire la società contemporanea e la sua cultura dominante come mise en abyme, come direbbe André Gide. Gli intellettuali dovrebbero temere questa situazione più di chiunque altro.

Come nel caso dei politici, gli intellettuali in generale non sono più i mediatori tra le ideologie, i bisogni e le aspirazioni dei cittadini comuni. Fanno tutta la mediazione tra loro e le loro piccole e grandi differenze ideologiche. Scrivono sul mondo, ma non con il mondo. Ci sono pochi intellettuali pubblici e anche quelli non riescono a sfuggire al nostro attuale abisso. La generazione che nacque o crebbe durante il periodo post-Seconda Guerra Mondiale si abituò a pensare in modo eccezionale in tempi normali. Ora, di fronte alla crisi pandemica, invece, trovano difficile pensare l’eccezione in tempi eccezionali. Il problema è che la nostra pratica quotidiana caotica sfuggente elude tutte le teorie e pretende di essere compresa in modalità sub-teorica. È come se la chiarezza della pandemia generasse così tanta trasparenza che ci siamo trovati incapaci di leggere, e tanto meno riscrivere ciò che abbiamo scritto su uno schermo o su un foglio.

Lasciami offrire due illustrazioni. La prassi caotica di ogni giorno sfugge a tutte le teorie e richiede di essere compresa nella modalità sub-teorica. È come se la chiarezza della pandemia generasse così tanta trasparenza che ci siamo trovati incapaci di leggere, e tanto meno riscrivere ciò che abbiamo scritto su uno schermo o su un foglio. Lasciami offrire due illustrazioni. All’inizio della crisi pandemica, Giorgio Agamben ha protestato contro il pericolo di una dichiarazione di eccezione. Attuando misure di sorveglianza e limitando la mobilità con il pretesto di combattere la pandemia, lo stato accumulerebbe poteri eccessivi, mettendo così a repentaglio la democrazia stessa. Il suo avvertimento ha senso ed è stato preminente nei confronti di alcuni paesi, in particolare l’Ungheria. Ma è stato scritto in un momento in cui i cittadini colpiti dal panico si stavano accorgendo che i servizi sanitari nazionali non erano preparati a combattere la pandemia e chiedevano che lo stato prendesse misure efficaci per fermare la diffusione del virus. La reazione fu immediata e Agamben dovette arretrare. In altre parole, l’eccezionalità di questa eccezione non gli ha fatto pensare che ci siano eccezioni ed eccezioni, e che quindi in futuro dovremo distinguere non solo tra lo stato democratico e lo stato di eccezione, ma anche tra lo stato di eccezione democratico e quello non democratico.

Il secondo caso in questione ha a che fare con Slavoj Zizek, che, allo stesso tempo, prevedeva che la pandemia indicava il “comunismo globale” come unica soluzione futura. La proposta era in linea con le sue teorie sui tempi normali, ma era del tutto ininfluente in tempi di eccezionale eccezione. Quindi anche lui ha dovuto fare un passo indietro. Io ho sostenuto, sulla base di numerosi motivi, che il tempo degli intellettuali d’avanguardia è finito. Gli intellettuali devono vedersi come intellettuali di retroguardia, prestare attenzione ai bisogni e alle aspirazioni dei cittadini comuni e scoprire come usarli come base per le loro teorie. Altrimenti, i cittadini saranno indifesi di fronte a chi può parlare solo la propria lingua e comprendere le proprie preoccupazioni profonde. In molti paesi questi sarebbero i pastori evangelici conservatori o gli imam musulmani radicali, che rappresentano il dominio capitalista, colonialista e patriarcale.

——–

* Boaventura de Sousa Santos è un professore portoghese di Sociologia presso la School of Economics, Università di Coímbra (Portogallo), illustre studioso legale presso la University of Wisconsin-Madison Law School e studioso legale globale presso l’Università di Warwick. Co-fondatore e uno dei principali leader del World Social Forum. Articolo pubblicato su Critical Legal Thinking e fornito ad altre notizie dall’autore.

https://www.other-news.info/2020/04/the-tragic-transparency-of-the-virus/

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
I agree to have my personal information transfered to MailChimp ( more information )
Autorizzo La Rete dei Numeri Pari a processare i miei dati personali secondo il Decreto Legislativo 196/2003 e/o successive integrazioni o modifiche
Noi odiamo lo spam. I tuoi dati saranno usati in conformità al Regolamento (UE) 2016/679