ARTICOLIPER APPROFONDIRE

Lo spettro dei tre grandi

23 lug 2020 Di Glauco Benigni *

Sono conosciuti con il nome di Vanguard, BlackRock e State Street Global Advisor e sono i tre maggiori fondi comuni di investimento del mondo. Sono anche noti come gestori patrimoniali o fondi di investimento che, gestiti da esperti professionisti, raccolgono denaro “fresco” da un numero immenso e vario di investitori e risparmiatori. Usano questo “denaro fresco” per acquistare sulle varie borse del pianeta e ridistribuire i profitti (quando le cose vanno bene) a coloro che hanno affidato l’eccedenza del loro capitale e/o dei loro risparmi. Gli investitori possono essere di natura commerciale o istituzionale, ma anche semplici individui privati ​​che accedono ai vari piani di investimento attribuibili e controllati da The Big Three (I tre grandi).

I Big Three sembrano essere strettamente interconnessi, grazie alle intersezioni di proprietà e ai legami estremamente riservati e personali tra i loro rappresentanti al timone delle operazioni e i rispettivi consigli di amministrazione.

Fondamentalmente, quando parliamo di “capitalismo finanziario”, di “imperialismo neoliberale”, o quando evochiamo “finanza”  tout court  (tradotto dal francese come chiaro e semplice), parliamo o, piuttosto, “evochiamo” una specie di bussola per guidare i destini del mondo di oggi e del futuro senza menzionarli direttamente. Come ogni vero potere, sono già diventati tabù.

I tre sono al centro di una grande galassia di sigle, con altri importanti fondi comuni di investimento ed entità finanziarie come Fidelity, T-Rowe, Goldman Sachs, JPMorgan e Morgan Stanley. Le masse finanziarie da loro amministrate agiscono come se fossero all’interno di un sistema gravitazionale, provocando attrazioni e repulsione durante la costellazione di banche e assicurazioni. Grazie alle posizioni strategiche dei vari azionisti, costituite dai loro notevoli investimenti, i Big Three possono “condizionare” la direzione di ogni area di attività: produzione, distribuzione di beni e servizi, trasporti, cure mediche, ricerca, ecc.

Immaginate che negli ultimi 12 anni, tre nuovi pianeti siano cresciuti drammaticamente in un sistema planetario dinamico, ma fondamentalmente equilibrato, e abbiano assunto una posizione centrale nel sistema, determinando così nuovi equilibri e squilibri e nuove orbite per tutti i pianeti e satelliti che esistevano già in quel sistema. Quei tre nuovi pianeti godono ovviamente del massimo rispetto, ma in realtà spaventano tutti coloro che hanno giustamente paura della verticalizzazione del potere.

Già nel 2017, Jan Fichtner, Eelke M. Heemskerk e Javier García, tre ricercatori dell’Università di Amsterdam, hanno spiegato che “dal 2008 si è verificato un massiccio spostamento delle strategie di investimento da attivo a passivo (vedi sotto). Il settore dei fondi di indice passivo è dominato da “I tre grandi”. Abbiamo mappato in modo esauriente le proprietà dei Big Three negli Stati Uniti e abbiamo scoperto che, nel loro insieme, sono i maggiori azionisti nell’88% delle 500 società dell’indice Standard & Poor’s”.

In altre parole, ciò significa che i Big Three sono i maggiori azionisti in circa il 90% delle società in cui la maggior parte delle persone investe. Per dare un’idea, S&P500 conta i vecchi giganti della “vecchia economia” (come ExxonMobil, General Electric, Coca-Cola, Johnson&Johnson e JP Morgan) e tutti i nuovi giganti dell’era digitale (Alphabet -Google , Amazon, Facebook, Microsoft e Apple). Ciò significa che la sua influenza si estende anche ai principali veicoli di informazione e commercio elettronico. Questi sono risultati eccezionali. Se, come sembra, corrispondono alla realtà, lo scenario rivelato contraddice qualsiasi precedente visione della libera concorrenza e descrive una posizione dominante mai raggiunta prima nella storia.

“Attraverso un’analisi dei registri di voto per delega”, continuano i professori di Amsterdam, “abbiamo scoperto che i Big Three usano strategie di voto coordinate e quindi seguono una strategia centralizzata di governo societario. In genere, votano in modo coordinato, ad eccezione della rielezione del direttore. Inoltre, i Big Three possono esercitare il “potere nascosto” attraverso due canali: in primo luogo, attraverso impegni privati ​​per la gestione delle società in cui hanno investito; e in secondo luogo, perché i dirigenti delle compagnie potrebbero inclinarsi verso l’appropriazione degli obiettivi dei Big Three.

BlackRock ha recentemente dichiarato che non è il “proprietario” legale delle azioni che possiede. “Siamo piuttosto i custodi del denaro che gli investitori ci affidano”, hanno affermato. È un tecnicismo da interpretare: ciò che è innegabile è che i Tre Grandi esercitano i diritti di voto associati a queste azioni. Pertanto, devono essere percepiti dai dirigenti aziendali come proprietari di fatto. È facile “sentirsi inclini” quando la posizione e la liquidazione del milionario dipendono dal “custode” del pacchetto azionario che controlla la società per cui si lavora.

Quando gli europei hanno alzato il dito accusatorio, nonostante le preoccupazioni della Commissione antimonopoli dell’Unione europea (UE), la scena negli Stati Uniti è stata minimizzata e i rischi associati sono stati sottovalutati. Tuttavia, il Dipartimento di Giustizia e Antitrust degli Stati Uniti si è svegliato l’anno scorso. Le vere ragioni del nuovo stato di allerta sono ovviamente politiche e attribuite alle strutture di potere dentro e intorno alla Casa Bianca. Ufficialmente, le autorità hanno espresso preoccupazione per il fatto che la Harvard Law School sia tra coloro che hanno messo al microscopio i Big Three. Dalle loro prestigiose cattedre, Lucian Bebchulk e Scott Hirst, due accademici considerati tra i più importanti esperti di corporate governance, hanno prodotto uno studio allarmante con il titolo Lo spettro dei tre giganti .

In sostanza, con i conti in mano, hanno dimostrato che nel 2019 i Tre gestiscono da soli $16 trilioni e controllano quindi 4 azioni su 10 delle principali società statunitensi.

Come spiegato da Vincenzo Beltrami in  Startmagazine “Il quotidiano Harvard ha il merito di fotografare la crescita esponenziale che in particolare BlackRock e Vanguard avranno nei prossimi anni nelle strutture finanziarie finora conosciute, innescando un cambio di paradigma a livello globale e i cui effetti possono già essere previsti. Gli accademici di Harvard hanno calcolato che le masse amministrate da questi giganti, con il relativo potere di rappresentazione che ne deriva, sono destinate ad aumentare rispettivamente del 34% nei prossimi dieci anni e del 41% se viene calcolato un periodo venti anni”.

Ora diamo un’occhiata ad alcuni “dettagli” pubblicati su Wikipedia:

Vanguard Group ha  sede a Malvern, un sobborgo di Filadelfia, in Pennsylvania. Fondata nel 1975 da John C. Bogle, gestisce $6,2 trilioni di risorse e ha circa 17.000 dipendenti. L’attuale CEO è Mortimer J. Buckley.

Black Rock ha  sede a New York. Gestisce un totale di $7,5 trilioni di attività, di cui ha investito un terzo in Europa, $500 miliardi nella sola Italia. È stata fondata nel 1988 da Laurence D. Fink (CEO), Susan Wagner e Robert S. Kapito. Ha 15.000 dipendenti.

State Street Global Advisors  è la divisione di gestione degli investimenti della State Street Corporation. Gestisce circa $3 trilioni. Ha sede a Boston, nel Massachusetts. L’amministratore delegato è Cyrus Taraporevala. Ha 2.500 dipendenti.

Questi dati confermano che le attività totali gestite da The Big Three ammontavano a $16 trilioni nel 2019. Ora la domanda è: se i fondi sono pari a quattro volte il PIL tedesco o, se lo si desidera, quattro volte il debito pubblico italiano … Qual è la visione del futuro di chi li gestisce? Ma soprattutto, tornando alle proiezioni degli accademici di Harvard, se superi 20 trilioni nel 2030 e voli verso 30 trilioni nel 2040, i fondi saranno equivalenti a metà del PIL dell’intero pianeta Terra. Se aggiungiamo a tutti i dipendenti di The Big Three, circa 35.000 persone, come è possibile gestire una massa finanziaria equivalente a quella prodotta da metà della popolazione mondiale, cioè 3,5 miliardi di esseri umani? Sta succedendo qualcosa di serio. Pertanto, le autorità antitrust hanno ragione (ma possono intervenire?). Se c’è una trappola, dove si trova?

Enrico Marro ci dà una prima risposta “tecnica” alle colonne del  Sole 24 Ore: “Va chiarito che il principale motore di crescita è rappresentato dalla gestione passiva: vale a dire dagli ETF, destinati a raggiungere $25 miliardi di attività in gestione nei prossimi sette anni, secondo le stime di Jim Ross, presidente di State Street”. Gli ETF, o fondi negoziati pubblicamente, sono un tipo di fondo di investimento che appartiene all’ETP (Exchange Traded Products) o alla macro famiglia di prodotti indicizzati, con l’obiettivo di replicare un indice di riferimento (Benchmark) con interventi minimi. A differenza dei fondi comuni di investimento e delle società di capitali, sono gestiti passivamente, liberi dalle capacità del gestore e sono quotati in borsa allo stesso modo delle azioni e delle obbligazioni.

La  gestione passiva  significa che la performance è legata al prezzo di un indice azionario (che può essere azioni, materie prime, obbligazioni, risorse monetarie, ecc.) e non alla capacità del gestore del fondo di acquistare e vendere. Il lavoro dell’amministratore si limita a verificare la coerenza del fondo con il benchmark (che può variare a seconda delle acquisizioni della società, fallimenti, crollo dei prezzi, ecc.), nonché a correggere il suo valore in caso di scostamenti tra prezzi di fondi e benchmark, ammessi nell’ordine di alcuni punti percentuali (1% o 2%). La  gestione passiva  rende questi fondi molto economici, con costi amministrativi generalmente inferiori al punto percentuale e quindi competitivi con i fondi attivi. La loro ampia diversificazione, unita alla negoziazione sul mercato azionario, li rende competitivi rispetto agli investimenti in singoli titoli. E il gioco è fatto!

Questi fondi sono nati negli Stati Uniti nel 1993 e sono stati negoziati su AMEX per riprodurre l’andamento dell’indice Standard & Poor 500 (in Italia sono stati quotati dal 2002). Gli ETF possono anche essere chiamati “cloni finanziari” perché imitano fedelmente la performance di un determinato indice.

Enrico Marro continua: “Ora ci sono “cloni” di tutti i tipi, da quelli legati alle quote rosa a quelli che seguono la Bibbia, da quelli che investono ascoltando Twitter a quelli guidati dall’intelligenza artificiale o che si concentrano sulla marijuana terapeutica. Per non parlare degli ETF con le loro sofisticate strategie “smart beta”, più o meno controcorrente, a volte scandalose. Tutto ciò che manca è un ‘clone’ di Bitcoin, stroncato sul nascere dai regolatori americani, per ovvie ragioni di stabilità finanziaria e buon senso. Vorrei aggiungere alcune considerazioni di politica macrofinanziaria a questa spiegazione tecnica. Prima del boom del mercato azionario, e in particolare prima dell’inizio del Nasdaq, che sostituiva gli acquisti e le vendite “umani” con gli acquisti e le vendite digitali basati su algoritmi, il valore di scambio (capitalizzazione finanziaria) era fortemente correlato con il valore d’uso (prodotto dall’economia reale). Per dirla più semplicemente, la ricchezza materiale (PIL) ha avuto una controparte ragionevole nella ricchezza negoziata in borsa. Con l’avvento di Nasdaq e il primo elenco di società “interamente digitali” sul mercato azionario, la finanza inizia un percorso di virtualizzazione numerica, favorito dagli scambi digitali che si svolgono in uno spazio-tempo in cui velocità e volumi tendono all’infinito, mentre i tempi di accesso e scambio tendono a zero. In questa nuova “dimensione finanziaria-numerica”, viene esaltata la produzione di valore di scambio e il suo volume cresce esponenzialmente, “staccandosi” dalla controparte materiale (l’economia reale). Ciò ha permesso agli speculatori di avere accesso alla produzione e alla gestione di infinite masse finanziarie, che vengono create continuamente grazie semplicemente alla moltiplicazione di “scambi” e che non hanno nulla a che fare con l’economia materiale reale. Tanto che è già noto che per ogni dollaro o euro corrispondente al valore d’uso (economia reale) esiste un valore equivalente leggermente più alto in circolazione sulle borse (secondo il FMI). Tuttavia, secondo altre fonti, il valore della capitalizzazione di mercato potrebbe essere da 4 a 8 volte maggiore del valore del PIL planetario.

Ecco un’altra spiegazione piuttosto sconcertante del perché 35.000 dipendenti gestiscono un valore equivalente a quello che producono 3,5 miliardi di esseri umani. Vediamo ora la scena dal punto di vista dei regolamenti:

Nel 1933, negli Stati Uniti, il Banking Act fu incorporato in uno più ampio, il Glass-Steagall Act. Questa risposta alla crisi finanziaria del 1929 mirava a introdurre misure per contenere le speculazioni degli intermediari finanziari ed evitare situazioni di panico bancario. Le misure includevano l’introduzione di un’ovvia separazione tra banca tradizionale e banca d’investimento. Secondo la legge, le due attività non potevano più essere svolte dallo stesso intermediario, creando così la separazione tra banche commerciali e banche di investimento. In effetti, è stato possibile evitare che l’economia reale fosse direttamente esposta all’influenza della finanza. A causa della sua successiva abrogazione nel 1999, è accaduto l’esatto contrario nella crisi del 2007: insolvenza nel mercato dei mutui subprime,

Tra gli effetti dell’abrogazione, è stata consentita la creazione di gruppi bancari, che, sebbene con alcune limitazioni, consentono l’esercizio dell’attività bancaria tradizionale insieme alle attività assicurative e di investimento. Dopo la nuova grande recessione del 2008, durante la presidenza Obama, sono stati fatti tentativi di ripristinare almeno in parte il Glass-Steagall Act con l’emanazione del Dodd-Frank Act. In realtà, la porta della stalla si era aperta e i cavalli erano già scappati. Oggi alcuni osservatori ritengono che la marcia trionfale dei fondi comuni sia stata resa possibile proprio dall’abrogazione del Glass-Steagall Act. E in effetti, la portata del cambiamento è sorprendente: dal 2007 al 2016, i fondi gestiti attivamente hanno registrato deflussi di circa $1,2 miliardi, mentre i fondi indicizzati hanno avuto afflussi di oltre $1,4 miliardi .

Veniamo ora a considerazioni o conclusioni storico-filosofiche sul comportamento collettivo della specie umana. Dopo le grandi rivoluzioni, l’idea della diffusione di uguaglianza e diritti, a volte, sembrava essere al di sopra degli interessi. Pertanto, la distribuzione della ricchezza sarebbe ottenuta attraverso la negoziazione tra forza lavoro e capitale. Questa idea è stata proclamata sulla base dell’ipotesi che i mezzi di produzione debbano appartenere a coloro che realmente hanno prodotto ricchezza e non ai proprietari di capitale. Nonostante molteplici battaglie civili e politiche, con la resa incondizionata dell’URSS e il declino delle idee socialiste e comuniste, il capitalismo e i suoi sostituti hanno vinto nella lotta con le masse operaie e contadine e con la classe di intellettuali che li ha supportati.

Ora, qui si trova il punto in cui la popolazione mondiale ha fatto la sua scelta negli ultimi 30 anni: è meglio lottare per i mezzi e le infrastrutture di produzione o è meglio cercare di condividere i benefici che il sistema neoliberista produce nella Borsa valori? Dato il divario svantaggioso tra i volumi dell’economia reale e quelli della finanza digitale, tenendo conto delle rispettive aliquote fiscali che privilegiano la finanza, insieme alla propaganda politica, la seduzione della pubblicità e l’induzione di stili di vita favorevoli al liberalismo individualista, la scelta è sempre più verso la seconda opzione. E così la visione del mondo neoliberista anglo-americano (Weltanschauung), caratterizzata dall’accettazione della “scommessa”, supera le opinioni caratterizzate dalla ricerca di “certezze”.

In questo momento, decine (forse centinaia) di milioni di risparmiatori e milioni di piccole e medie imprese non stanno reinvestendo i loro risparmi e il surplus di capitale in strutture produttive, e solo una piccola minoranza si immagina di generare lavoro per se stessi e per i loro “colleghi”. Non ci stanno nemmeno pensando! Non appena ci sono risparmi, indennità di licenziamento, eredità o capitale immobilizzato, la stragrande maggioranza cerca “una strada breve” per dare i suoi frutti, o il modo migliore per investirlo per realizzare un profitto e posizionarsi, senza stancarsi o preoccuparsi per il prossimo”.

Un dato eloquente: secondo un’analisi di Morningstar pubblicata dal  Financial Times , nel 2018 BlackRock e Vanguard hanno raccolto solo il 57% di ciò che circolava in tutto il mondo nel variegato panorama dei fondi comuni di investimento. Diciamo che nell’eterna oscillazione tra individualismo e solidarietà collettiva, il polo che rappresenta interessi personali immediati e misurabili sta guidando il gioco in un campo che è completamente sfuggito al controllo dell’umanesimo di solidarietà.

Per tornare alla questione dei fondi comuni di investimento e giungere a una conclusione: molti credono che tutto sia legittimo e che il suo successo sia determinato da circostanze storiche e da una conoscenza elevata e superiore alla media delle capacità delle masse. Ma sappiamo che dietro questa immagine dell’efficienza si trovano pratiche molto opache e ambigue. Pratiche che potrebbero persino consentire, vista l’enorme mole di denaro coinvolta, l’acquisto non solo di dirigenti d’azienda ma anche di governi e opposizioni nelle democrazie.

Prendiamolo in considerazione.

—–

* Giornalista e scrittore professionista italiano, Laurea in Sociologia della comunicazione di massa. Per 20 anni è stato corrispondente e redattore mediatico per il quotidiano La Repubblica, poi 15 anni per la televisione radiofonica italiana (Rai), dove è stato responsabile delle relazioni con la stampa estera e della promozione e dello sviluppo tecnologico di Rai International. Articolo pubblicato da Wall Street International il 07.22.20 e inviato ad Altre Notizie dall’autore.

El espectro de los tres grandes

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
I agree to have my personal information transfered to MailChimp ( more information )
Autorizzo La Rete dei Numeri Pari a processare i miei dati personali secondo il Decreto Legislativo 196/2003 e/o successive integrazioni o modifiche
Noi odiamo lo spam. I tuoi dati saranno usati in conformità al Regolamento (UE) 2016/679