ARTICOLIGiustizia ambientale ed ecologicaOXFAMPER APPROFONDIRE

Allarme Oxfam: i più ricchi inquinano, i più poveri travolti dai cambiamenti climatici

21 settembre 2020 – OXFAM

L’uno per cento più ricco della popolazione mondiale è responsabile di più del doppio dell’inquinamento da carbonio rispetto ai 3,1 miliardi di persone che costituivano la metà più povera dell’umanità durante un periodo critico di 25 anni di crescita delle emissioni senza precedenti.

Il nuovo rapporto di Oxfam, ” Confronting Carbon Inequality “, si basa su una ricerca condotta con lo Stockholm Environment Institute e viene pubblicato mentre i leader mondiali si preparano a incontrarsi all’Assemblea generale delle Nazioni Unite per discutere le sfide globali, inclusa la crisi climatica.

Il rapporto valuta le emissioni di consumo di diversi gruppi di reddito tra il 1990 e il 2015, 25 anni in cui l’umanità ha raddoppiato la quantità di anidride carbonica nell’atmosfera. Ha trovato:

  • Il 10 percento più ricco ha rappresentato oltre la metà (52 percento) delle emissioni aggiunte all’atmosfera tra il 1990 e il 2015. L’uno percento più ricco è stato responsabile del 15 percento delle emissioni durante questo periodo, più di tutti i cittadini dell’UE e oltre del doppio di quella della metà più povera dell’umanità (7 per cento);
  • Durante questo periodo, il 10% più ricco ha contribuito per un terzo della bilancia del carbonio globale rimanente, rispetto a solo il 4% per la metà più povera della popolazione. Il bilancio del carbonio è la quantità di anidride carbonica che può essere aggiunta all’atmosfera senza causare un aumento delle temperature globali oltre 1.5C – l’obiettivo fissato dai governi nell’accordo di Parigi per evitare gli impatti peggiori del cambiamento climatico incontrollato;
  • Le emissioni annuali sono aumentate del 60% tra il 1990 e il 2015. Il 5% più ricco è responsabile di oltre un terzo (37%) di questa crescita. L’aumento totale delle emissioni dell’uno per cento più ricco è stato tre volte superiore a quello del 50 per cento più povero.

Tim Gore, Head of Climate Policy presso Oxfam e autore del rapporto, ha dichiarato: “L’eccessivo consumo di una ricca minoranza sta alimentando la crisi climatica, ma sono le comunità povere e i giovani a pagarne il prezzo. Tale estrema disuguaglianza di carbonio è una conseguenza diretta del perseguimento decennale dei nostri governi di una crescita economica grossolanamente diseguale e ad alta intensità di carbonio. ”

È probabile che le emissioni di carbonio aumentino rapidamente man mano che i governi allentano i blocchi relativi a Covid. Se le emissioni non continueranno a diminuire di anno in anno e la disuguaglianza di carbonio non sarà controllata, il budget di carbonio rimanente per restare sotto 1.5° sarà completamente esaurito entro il 2030. Tuttavia, la disuguaglianza di carbonio è così netta che il 10% più ricco farebbe saltare il bilancio di altre emissioni anche se fosse ridotto a zero.

Durante il 2020, e con circa 1° di riscaldamento globale, il cambiamento climatico ha alimentato cicloni mortali in India e Bangladesh, enormi sciami di locuste che hanno devastato i raccolti in tutta l’Africa e ondate di calore e incendi senza precedenti in tutta l’Australia e gli Stati Uniti. Nessuno è immune, ma sono le persone più povere ed emarginate ad essere le più colpite. Ad esempio, le donne corrono un rischio maggiore di violenze e abusi all’indomani di un disastro.

“Affrontare la disuguaglianza di carbonio ” stima che le emissioni pro capite del 10 percento più ricco dovranno essere circa 10 volte inferiori entro il 2030 per mantenere il mondo sulla buona strada per aumentare la temperatura di appena 1,5° la temperatura – questo equivale a tagliare le emissioni annuali globali di un terzo. Anche la riduzione delle emissioni pro capite del 10% più ricco alla media dell’UE ridurrebbe le emissioni annuali di oltre un quarto.

I governi possono affrontare sia l’estrema disuguaglianza che la crisi climatica se prendono di mira le emissioni eccessive dei più ricchi e investono nelle comunità povere e vulnerabili. Ad esempio, uno studio recente ha rilevato che il 10 per cento più ricco delle famiglie utilizza quasi la metà (45 per cento) di tutta l’energia collegata al trasporto terrestre e tre quarti di tutta l’energia legata all’aviazione. I trasporti rappresentano oggi circa un quarto delle emissioni globali, mentre i SUV sono stati il ​​secondo motore della crescita globale delle emissioni di carbonio tra il 2010 e il 2018.

Gore ha dichiarato: “Il semplice riavvio delle nostre economie precedenti a Covid obsolete, ingiuste e inquinanti non è più un’opzione praticabile. I governi devono cogliere questa opportunità per rimodellare le nostre economie e costruire un domani migliore per tutti noi.

“I governi devono ridurre le emissioni dei ricchi attraverso tasse e divieti sul carbonio di lusso come SUV e voli frequenti. Le entrate dovrebbero essere investite nei servizi pubblici e nei settori a basse emissioni di carbonio per creare posti di lavoro e contribuire a porre fine alla povertà “, ha aggiunto Gore .

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
I agree to have my personal information transfered to MailChimp ( more information )
Autorizzo La Rete dei Numeri Pari a processare i miei dati personali secondo il Decreto Legislativo 196/2003 e/o successive integrazioni o modifiche
Noi odiamo lo spam. I tuoi dati saranno usati in conformità al Regolamento (UE) 2016/679