ARTICOLIGiustizia ambientale ed ecologicaPER APPROFONDIRE

La negazione del cambiamento climatico in Europa è paragonabile a quella degli Stati Uniti

21 ottobre 2020 – Di Núria Almiron, Professore Associato del Dipartimento di Comunicazione, Università Pompeu Fabra / blogs.publico.es

Il contro-movimento formato dai think-tank  che negano il cambiamento climatico è stato molto attivo in Europa negli ultimi dieci anni, ha un profilo ideologico neoliberista e le sue argomentazioni ricordano quelle delle organizzazioni negazioniste negli Stati Uniti. Queste le conclusioni dello studio che abbiamo pubblicato sulla rivista Climatic Change nell’ambito del progetto THINKClima, guidato dall’Università Pompeu Fabra.

Con questo lavoro identifichiamo gli otto think-tank negazionisti più importanti in Europa che pubblicano in inglese, spagnolo, tedesco e francese. Per identificare gli argomenti che utilizzano, abbiamo analizzato tutti i testi sui cambiamenti climatici pubblicati sui loro siti web fino al 2018 (1.669 testi in un periodo di 24 anni).

La nostra ricerca mira a studiare le ragioni dell’inazione climatica in Europa. Il pianeta sta vivendo una crisi climatica senza precedenti ed è urgente adottare politiche efficaci per ridurre le emissioni di gas e il riscaldamento globale. Ci sono prove del cambiamento climatico causato dall’uomo dalla metà del XIX secolo e abbiamo identificato perfettamente i principali inquinatori del clima. Allora perché non agiamo di conseguenza?

Tra i diversi aspetti economici, politici, psicologici e sociali che influenzano l’inerzia dei discorsi sul climatica, sappiamo da tempo che i think-tank negazionisti hanno svolto e svolgono ancora un ruolo molto importante negli Stati Uniti. Numerosi studi li hanno identificati come fattori determinanti della protezione delle industrie che emettono più gas serra in quel paese.

Un’indagine di questo tipo non era mai stata condotta in Europa. Attraverso il progetto THINKClima, abbiamo confermato che anche qui c’è un gruppo di think-tank che negano il cambiamento climatico con la stessa retorica e obiettivi paragonabili al contro-movimento degli Stati Uniti.

Think-tank europei negazionisti

I think-tank sono organizzazioni che cercano di influenzare il processo decisionale politico direttamente o, più recentemente, anche indirettamente, cercando di influenzare l’opinione pubblica e i media.

Tra gli otto think-tank identificati come divulgatori di idee di negazione in Europa ci sono organizzazioni di sei paesi:

  • Nel Regno Unito ci sono il Center For Policy Studies (CPS), la Global Warming Policy Foundation (GWPF) e l’Istituto degli affari economici (IEA).
  • In Francia, l’Institut Économique Molinari (IEM).
  • In Germania l’Istituto europeo per il clima e l’energia (EIKE).
  • In Austria, l’Austrian Economic Center (AEC).
  • In Svizzera, il Liberal Institut (LI).
  • In Spagna, l’Istituto Juan de Mariana (IJM).

Queste organizzazioni hanno in comune un’ideologia neoliberista, cioè difendono il libero mercato e il minimo intervento del governo e adottano posizioni politiche vicine al conservazionismo politico o all’estrema destra.

Il movimento contro il clima che queste organizzazioni costituiscono è di recente creazione ed è stato attivo in modo rilevante per meno di un decennio.

La maggior parte dei think-tank identificati sono stati fondati tra il 2003 e il 2009. Nonostante il fatto che il primo testo analizzato dal nostro studio risale al 1994, non ci sono stati contenuti rilevanti di negazione fino al 2007 e la maggior parte dei testi sono stati pubblicati tra il 2014 e 2018.

Entrambi i picchi di pubblicazioni di diniego (2007 e 2014) corrispondono alla comparsa degli ultimi due importanti rapporti dell’IPCC (il Gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici), indicando una reazione ad essi.

Le buone relazioni tra think-tank negazionisti, i partiti politici neoliberisti e conservatori e i legami tra il contro-movimento negazionista negli Stati Uniti e le organizzazioni negazioniste britanniche, sono la prova del sostegno e dell’ispirazione che le organizzazioni europee possono aver ricevuto da quelle americane. Ancora più importante, l’emergere del movimento negazionista europeo coincide con l’emergere di correnti populiste di estrema destra in Europa, con le quali simpatizza e ha ottimi rapporti.

Rifiuto delle prove scientifiche e delle politiche climatiche

La ricerca condotta nel corso di decenni negli Stati Uniti ha rivelato i principali argomenti utilizzati dai negazionisti del cambiamento climatico in quel paese. Il nostro studio ha confermato che questi argomenti appaiono ripetutamente nei think-tank negazionisti in Europa, che usano la stessa retorica e le stesse idee delle organizzazioni negazioniste americane.

Tra queste idee, abbiamo individuato che anche l’argomento più radicale di tutti si ripete in Europa, la negazione dell’esistenza del cambiamento climatico, che compare fino al 22,23% dei testi dei think-tank studiati. L’argomentazione più utilizzata dal contro-movimento europeo è la critica non scientifica agli attivisti e ai politici che combattono il riscaldamento globale, presente nel 63,93% delle sue pubblicazioni. Nonostante l’esistenza di un consenso scientifico pressoché totale sull’origine umana del riscaldamento globale, il 37,30% dei testi di questi think-tank sostiene il contrario, individuano altre cause o rendendo relativo il problema. Inoltre, il 29,24% mette in discussione la legittimità dello stesso IPCC.

Anche le organizzazioni europee mettono in dubbio la diffusione scientifica delle informazioni relative alla climatologia, cosa che si verifica nel 49,43% dei testi. Infine, è ampiamente utilizzato anche l’argomento secondo cui qualsiasi politica è peggiore del riscaldamento globale, che compare nel 38,83% dei testi.

Relazione con il neoliberismo

Le otto organizzazioni europee identificate come negazioniste riflettono un’ideologia allineata con l’ideologia neoliberista e conservatrice. Argomenti contro i cambiamenti climatici basati su questa linea ideologica compaiono nel 39,25% dei testi che analizziamo nello studio. Tra questi argomenti spicca la crescita economica come soluzione, l’autoregolamentazione del mercato, il non intervento dei governi e la non tassazione dei prodotti inquinanti, tra gli altri.

L’orientamento neoliberista è simile a quello mostrato dai think-tank negazionisti americani, sebbene il contro-movimento europeo sia più modesto per numero di organizzazioni e risorse. Nonostante ciò, non può essere considerata una versione leggera di quella degli Stati Uniti, poiché proclama gli stessi argomenti in Europa e vengono difesi con la stessa belligeranza.

Sia noi che gli esperti negli Stati Uniti ci interroghiamo sulle ragioni di questa stretta simbiosi tra neoliberismo e negazionismo. Alcuni ricercatori hanno fornito alcune risposte. Tra questi c’è la complessità del fenomeno del cambiamento climatico. Il populismo di destra vedrebbe il riscaldamento globale come una minaccia agli interessi nazionali e come un problema che non può ridurre a semplici soluzioni da trasmettere alla popolazione. Ci sono anche studi che associano la relazione tra neoliberismo e negazione del cambiamento climatico alla vulnerabilità di alcune mascolinità industriali. Queste mascolinità sono saldamente ancorate alla razionalità tecnologica e al libero mercato, nonché al rifiuto dell’intervento del governo. Secondo queste spiegazioni, questa identità si sentirebbe attaccata dal movimento per il clima e dalle richieste ambientali, il che giustificherebbe anche la sua riluttanza ad assumere l’emergenza climatica.

Due facce della stessa medaglia

Secondo noi, un’altra spiegazione potrebbe essere che il neoliberismo e il negazionismo del cambiamento climatico non sono in realtà due fenomeni separati, ma uno in evoluzione.

Il neoliberismo ha accumulato per decenni argomenti negazionisti riguardo alle capacità del mercato, alla disuguaglianza sociale e all’esaurimento delle risorse naturali. Negare la crisi climatica, le sue cause antropiche o la sua gravità farebbe parte di questa logica irrazionale per proteggere gli interessi di alcune élite che credono di essere al sicuro. Élite che hanno beneficiato degli sforzi dei think-tank in più di un’occasione in passato.

È importante notare, tuttavia, la necessità di sfuggire alla tentazione di incolpare solo i think-tank negazionisti, qui o negli Stati Uniti, per l’inerzia dei movimento per il climatica. Sebbene il ruolo dei think-tank sia stato molto rilevante negli Stati Uniti, anche lì non possono essere considerati gli unici colpevoli del disastro climatico. Ed è chiaro che l’influenza politica del contro-movimento dei think-tank negazionisti in Europa è stata minore, almeno fino ad oggi.

Il negazionismo del cambiamento climatico è un fenomeno complesso che comprende diversi tipi di negazione, come abbiamo spiegato da THINKClima in un volume pubblicato all’inizio del 2020. I cittadini ei media dovrebbero essere consapevoli dell’esistenza di un contro-movimento negazionista attivo formato da think-tank anche in Europa, pur ricordando la responsabilità che abbiamo tutti in questa crisi.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
I agree to have my personal information transfered to MailChimp ( more information )
Autorizzo La Rete dei Numeri Pari a processare i miei dati personali secondo il Decreto Legislativo 196/2003 e/o successive integrazioni o modifiche
Noi odiamo lo spam. I tuoi dati saranno usati in conformità al Regolamento (UE) 2016/679