ARTICOLIGiustizia ambientale ed ecologicaPER APPROFONDIRE

Indagine UNDP: il cambiamento climatico è un’emergenza per la maggior parte delle persone

18 febbraio 2021 – Da IPS Correspondent / ipsnoticias.net

Quasi due terzi degli oltre 1,2 milioni di persone intervistate in tutto il mondo considerano il cambiamento climatico un’emergenza globale, stimolando ulteriori azioni per affrontare la crisi, secondo un nuovo sondaggio del rapporto sul clima delle Nazioni Unite rivelato mercoledì 27 gennaio.

I risultati “illustrano chiaramente che l’azione urgente per il clima ha un ampio sostegno tra le persone in tutto il mondo, di tutte le nazionalità, età, sesso e livello di istruzione”, ha affermato Achim Steiner, amministratore del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP).

Questa è la più grande indagine sul clima mai condotta, che copre 50 paesi con più della metà della popolazione mondiale e 17 lingue, il “voto popolare sul clima” condotto da UNDP.

In America Latina e nei Caraibi sono stati intervistati gli abitanti di Argentina, Belize, Brasile, Cile, Ecuador, Panama e Trinidad e Tobago e il 63% delle persone ha convenuto che il cambiamento climatico è un’emergenza.

Il sondaggio spiega anche “come” le persone vogliono che i loro leader e legislatori affrontino la crisi climatica.

“Dall’agricoltura rispettosa del clima alla protezione della natura all’investimento in un recupero ecologico da COVID-19, il sondaggio porta le voci delle persone in prima linea nel dibattito sul clima”, ha detto Steiner.

Il sondaggio ha chiesto ai partecipanti se il cambiamento climatico fosse un’emergenza globale e se sostenessero 18 politiche climatiche chiave in sei aree di azione: economia, energia, trasporti, cibo e aziende agricole, natura e protezione delle persone.

I risultati saranno condivisi con legislatori e governi che cercano di attuare politiche per ricostruire le economie post-covid e affrontare il cambiamento climatico, poiché il 2021 è considerato un anno cruciale per gli impegni in quel campo.

Nel novembre 2021, la 26a Conferenza delle Parti (COP26) della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici si terrà a Glasgow, Regno Unito, che mira a stabilizzare l’emissione di gas serra per frenare il riscaldamento globale e consentire uno sviluppo economico sostenibile .

I 1,2 milioni di intervistati nel sondaggio includevano più di mezzo milione di persone di età inferiore ai 18 anni, un gruppo chiave sul cambiamento climatico che normalmente non può ancora votare alle elezioni regolari.

Per raggiungere il pubblico più giovane, sono stati invitati a partecipare tramite giochi mobili. Ad esempio, quando una persona ha giocato a “Words with Friends” o “Angry Birds”, il sondaggio ha sostituito la tradizionale pubblicità in-game, producendo un vasto campione casuale di persone di tutti i sessi, istruzione ed età.

I dati sono stati elaborati da analisti del sondaggio dell’Università britannica di Oxford e riflettono più della metà della popolazione mondiale. Con una dimensione del campione così ampia e una ricca informazione sociodemografica, il margine di errore per i risultati è in media +/- due percento.

I risultati hanno mostrato che le persone sostengono politiche climatiche di ampio respiro, al di là della situazione attuale, con un chiaro appello per più energia rinnovabile nei paesi con le emissioni più elevate.

Nei paesi con elevate emissioni dovute alla deforestazione e al cambiamento dell’uso del suolo, c’è stato un forte sostegno alla conservazione delle foreste e del territorio.

In nove paesi su 10 con le popolazioni più urbanizzate, è stato sostenuto un maggiore utilizzo di veicoli elettrici o biciclette e in sette paesi ad alto reddito c’è stato un forte sostegno alle aziende per pagare l’inquinamento.

Le quattro politiche climatiche più popolari sono state: conservazione delle foreste e del territorio (sostegno del 54%), più energia solare, eolica e rinnovabile (53), adozione di tecniche agricole rispettose del clima (52) e maggiori investimenti in imprese e posti di lavoro verdi (50 per cento).

Gli atteggiamenti variano in base al sesso e al paese, con una convinzione molto più forte nell’emergenza climatica tra donne e ragazze rispetto a uomini e ragazzi in Australia, Canada e Stati Uniti e viceversa in Nigeria o Vietnam, dove uomini e ragazzi sono stati più favorevoli dell’idea di quell’emergenza.

È stato anche riscontrato un legame diretto con il livello di istruzione, in quanto vi è stato un riconoscimento molto alto dell’emergenza tra coloro che avevano frequentato l’università in tutti i paesi, dalle nazioni a basso reddito come il Bhutan e la Repubblica Democratica del Congo, ai paesi ricchi come Francia e Giappone.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
I agree to have my personal information transfered to MailChimp ( more information )
Autorizzo La Rete dei Numeri Pari a processare i miei dati personali secondo il Decreto Legislativo 196/2003 e/o successive integrazioni o modifiche
Noi odiamo lo spam. I tuoi dati saranno usati in conformità al Regolamento (UE) 2016/679