ARTICOLII nostri approfondimentiPER APPROFONDIRERUBRICA ADALTAVOCE!

Il nemico è chi affama – A Torre Maura il fascismo si combatte mettendosi insieme e illuminando i territori abbandonati

9 aprile 2019

A Torre Maura, tra decine di migliaia di famiglie senza casa, spazi verdi a rischio chiusura, edifici abbandonati in attesa di conversione e desertificazione commerciale, Casapound ha portato in scena un teatrino che ha nuovamente tentato di spostare il focus reale. Non più responsabilità di chi affama, ma di chi ha fame. Così, i ROM sembrano il capro espiatorio perfetto per fare incetta di voti provando a far leva sulla rabbia del quartiere. A dirlo, senza mezzi termini, è un ragazzo appena quindicenne che, ad alta voce, ricorda il senso di tutta una politica: nessuno andrebbe lasciato indietro. A ribadirlo, sono le associazioni, i cittadini e le cittadine, le reti e i sindacati, che sabato scorso sono scesi in piazza per bloccare quella che era, a tutti gli effetti, un’aggressione razzista e fascista. In una guerra tra aggressori razzisti e aggrediti stranieri, ma anche a una più generale battaglia contro i più deboli, qualunque sia il colore della pelle, ci si dimentica di avere riguardo alle condizioni delle persone, ai diritti e alle responsabilità della politica che continua ad aumentare le disuguaglianze tagliando i fondi per le politiche sociali e per i servizi mentre a livello nazionale vengono mantenute politiche di austerità.

In una situazione tale, il linguaggio è la parte essenziale. Per chi è abituato a non trovare soluzione, a evitare di affrontare i disagi reali di chi vive le periferie, la mancanza di politiche abitative e di investimenti sul lavoro, la precaria, se non inesistente, manutenzione dei territori e delle infrastrutture, appare immediato prendersela con chi è messo ancora peggio. Il nemico è il rom, il migrante, il povero. Non la povertà, che invece per dare concime al terreno delle mafie e della corruzione è un utile alleato. Solo il povero in quanto tale, il povero in quanto persona. Si scarica sul più debole una responsabilità che è piuttosto di chi governa, dell’assenza di una volontà politica che provano a spacciare per mancanza di risorse. Le risorse, economiche e politiche, ci sono, esistono.

L’amministrazione comunale della Capitale d’Italia ha tagliato nel bilancio 52milioni di fondi alle politiche sociali. A dimostrazione che la volontà della classe dirigente sceglie deliberatamente di girarsi dall’altra parte, scatenando episodi di violenza razzista sempre più diffusi sul territorio nazionale e la guerra del povero contro il più povero. Una strategia voluta, pensata, ormai alla luce del sole. Non è un caso la situazione in cui il Paese intero si trova. È compito della geografia della speranza, dei vinti che stanno subendo le conseguenze, mettersi insieme ed invertire la rotta illuminando i territori abbandonati.

Martina Di Pirro

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
I agree to have my personal information transfered to MailChimp ( more information )
Autorizzo La Rete dei Numeri Pari a processare i miei dati personali secondo il Decreto Legislativo 196/2003 e/o successive integrazioni o modifiche
Noi odiamo lo spam. I tuoi dati saranno usati in conformità al Regolamento (UE) 2016/679

Lascia un commento