ARTICOLICoronavirusPER APPROFONDIRE

Il virus: tutto ciò che è solido svanisce nel nulla

Il pensatore portoghese Boaventura de Sousa Santos mette in discussione l’impatto della pandemia di Covid 19 sulle società contemporanee. Il contesto della crisi finanziaria permanente e la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina. La fragilità dell’umano. E perché l’idea che non ci sia alternativa al modo di vivere imposto dall’ipercapitalismo crolla. Condividiamo il primo capitolo del libro La crudele pedagogia del virus, a cura del Consiglio latinoamericano delle scienze sociali (CLACSO), disponibile in download gratuito.

Di Boaventura de Sousa Santos *

C’è un dibattito nelle scienze sociali sul fatto che la verità e la qualità delle istituzioni di una determinata società siano meglio conosciute in situazioni di funzionamento normale o in situazioni eccezionali di crisi. Forse entrambi i tipi di situazioni sono induttori della conoscenza, ma certamente ci consentono di conoscere o rivelare cose diverse. Quali potenziali conoscenze derivano dalla pandemia di coronavirus?

La normalità dell’eccezione

L’attuale pandemia non è una situazione di crisi chiaramente opposta a una situazione normale. Dagli anni ’80, quando il neoliberismo si affermò come la versione dominante del capitalismo e il capitalismo si sottometteva sempre più alla logica del settore finanziario, il mondo ha vissuto in uno stato di crisi permanente. Una situazione doppiamente anormale. Da un lato, l’idea di una crisi permanente è un ossimoro, poiché, in senso etimologico, la crisi è, per sua natura, eccezionale e temporanea e costituisce un’opportunità da superare per creare uno stato di cose migliore. D’altra parte, quando la crisi è temporanea, deve essere spiegata dai fattori che la causano. Tuttavia, quando diventa permanente, la crisi diventa la causa che spiega tutto il resto. 

Per esempio la crisi finanziaria permanente viene utilizzata per spiegare i tagli alle politiche sociali (sanità, istruzione, sicurezza sociale) o il degrado salariale. Pertanto, impedisce di chiarire le vere cause della crisi. L’obiettivo della crisi permanente non dovrebbe essere risolto. Ma qual è lo scopo di questo obiettivo? Fondamentalmente, ce ne sono due: legittimare la scandalosa concentrazione di ricchezza e boicottare misure efficaci per prevenire un’imminente catastrofe ecologica. È così che abbiamo vissuto negli ultimi quarant’anni. Per questo motivo, la pandemia aggrava solo una situazione di crisi alla quale la popolazione mondiale è stata già sottoposta. Ecco perché comporta un pericolo specifico. In molti paesi, i servizi di sanità pubblica erano meglio preparati ad affrontare la pandemia dieci o venti anni fa di quanto lo siano oggi.

L’elasticità del sociale

In ogni epoca storica, i modi di vita dominanti (lavoro, consumo, tempo libero, convivenza) e i modi di anticipare o posticipare la morte sono relativamente rigidi e sembrano derivare regole scritte nel cuore della natura umana. È vero che vengono gradualmente modificati, ma i cambiamenti passano quasi sempre inosservati. Lo scoppio di una pandemia non corrisponde a questo ritardo. Richiede cambiamenti drastici. E improvvisamente, diventano possibili come se fossero sempre stati lì. È possibile rimanere a casa e avere il tempo di leggere un libro e passare più tempo con i bambini, consumare meno, rinunciare al vizio di passare il tempo nei centri commerciali, guardare ciò che è in vendita e dimenticare tutto ciò che si desidera, ma che è possibile ottenere con mezzi diversi dall’acquisto.

L’idea conservatrice secondo cui non esiste alternativa al modo di vivere imposto dall’ipercapitalismo in cui viviamo si sta sgretolando. È evidente che non ci sono alternative perché il sistema politico democratico è stato costretto a smettere di discuterne. Espulsi dal sistema politico, le alternative entreranno sempre più nella vita dei cittadini e lo faranno attraverso la porta di servizio di crisi pandemiche, disastri ambientali e collassi finanziari. Cioè, le alternative torneranno nel peggiore dei modi. 

La fragilità dell’umano

L’apparente rigidità delle soluzioni sociali crea uno strano senso di sicurezza nelle classi che le sfruttano al meglio. È vero che c’è sempre una certa insicurezza, ma ci sono mezzi e risorse per minimizzarla, che si tratti di cure mediche, polizze assicurative, servizi di compagnie di sicurezza, terapia psicologica, palestre. Questo sentimento di sicurezza si unisce al sentimento di arroganza e persino alla condanna di coloro che si sentono vittime delle stesse soluzioni sociali. L’epidemia virale polverizza il buon senso ed evapora la sicurezza durante la notte. Sappiamo che la pandemia non è cieca e ha obiettivi privilegiati, ma crea comunque una consapevolezza della comunione planetaria, in qualche modo democratica.

L’etimologia del termine pandemia dice esattamente questo: raduno delle persone. La tragedia è che, in questo caso, per mostrare solidarietà è meglio isolarsi ed evitare di toccare altre persone. È una strana comunione di destini. Altre saranno possibili?

I fini non giustificano i mezzi

Il rallentamento dell’attività economica, soprattutto nel paese più grande e dinamico del mondo, ha evidenti conseguenze negative. Ma ha anche alcuni aspetti positivi. Ad esempio, la diminuzione dell’inquinamento atmosferico. Uno specialista della qualità dell’aria dell’Agenzia spaziale americana ha affermato che un calo così drammatico dell’inquinamento non è mai stato visto in un’area così vasta. Significa che all’inizio del 21 ° secolo l’unico modo per evitare l’imminente catastrofe ecologica è attraverso la massiccia distruzione della vita umana? Abbiamo perso l’immaginazione preventiva e la capacità politica di metterla in pratica?

Per controllare efficacemente la pandemia, è noto anche che la Cina ha implementato metodi particolarmente severi di repressione e sorveglianza. Sta diventando sempre più chiaro che le misure sono state efficaci. Ma la Cina, nonostante tutti i suoi meriti, non è un paese democratico. È altamente discutibile se tali misure possano essere attuate o avere la stessa efficacia in un paese democratico. Significa che la democrazia non ha la capacità politica di rispondere alle emergenze? Al contrario, The Economist ha mostrato all’inizio di quest’anno che le epidemie tendono ad essere meno mortali nei paesi democratici a causa della libera divulgazione di informazioni.

Ma poiché le democrazie sono sempre più vulnerabili alle notizie false , dovremo immaginare soluzioni democratiche basate sulla democrazia partecipativa a livello di vicinato e comunità e sull’educazione civica orientata alla solidarietà e alla cooperazione e non all’imprenditorialità e competitività a tutti i costi.

La guerra da cui viene fatta la pace

Il modo in cui la narrativa sulla pandemia è stata inizialmente costruita dai media occidentali ha evidenziato il desiderio di demonizzare la Cina. Le cattive condizioni igieniche nei mercati cinesi e le strane abitudini alimentari dei cinesi (primitivismo implicito) erano la fonte del male. Subliminalmente, l’opinione pubblica mondiale è stata avvertita del pericolo che la Cina, che è oggi la seconda economia del mondo (e probabilmente dominerà il mondo in futuro). Se la Cina non fosse in grado di prevenire tali danni alla salute globale e, inoltre, di superarla efficacemente, come potremmo fidarci della tecnologia del futuro proposta dalla Cina? Ma il virus è nato in Cina? La verità è che, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, l’origine del virus non è stata ancora determinata. Pertanto, è irresponsabile che i media ufficiali negli Stati Uniti parlino del “virus straniero” o persino del “coronavirus cinese”, soprattutto perché solo nei paesi con buoni sistemi di sanità pubblica (gli Stati Uniti non sono uno di questi) è possibile fare test gratuiti e determinare con precisione i tipi di influenza che si sono verificati negli ultimi mesi. Quello che sappiamo per certo è che, ben oltre il coronavirus, c’è una guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti, una guerra senza quarti che, come tutto sembra indicare, si concluderà con un vincitore e un vinto. Dal punto di vista degli Stati Uniti, c’è un’urgente necessità di neutralizzare la leadership cinese in quattro aree: produzione di telefoni cellulari, telecomunicazioni di quinta generazione (intelligenza artificiale), automobili elettriche ed energia rinnovabile.

La sociologia delle assenze

Una pandemia di questa dimensione provoca scalpore in tutto il mondo. Sebbene la drammatizzazione sia giustificata, è bene considerare le ombre create dalla visibilità. Ad esempio, Medici Senza Frontiere avverte dell’estrema vulnerabilità al virus delle migliaia di rifugiati e immigrati detenuti nei centri di detenzione in Grecia. In uno di questi (Campo de Moria), c’è un rubinetto per 1.300 persone e non c’è sapone. I rifugiati vivono in sovraffollamento. Le famiglie di cinque o sei persone dormono in uno spazio di meno di tre metri quadrati. Anche questa è parte dell’Europa, è l’Europa invisibile. Poiché queste condizioni prevalgono anche sul confine meridionale degli Stati Uniti, vi è anche un’America invisibile lì. E le zone di invisibilità saranno in grado di moltiplicarsi in molte altre regioni del mondo, e forse anche qui, molto vicino a ciascuno di noi. Forse basta aprire la finestra.

Boaventura de Sousa Santos è professore in pensione professore e direttore emerito del Centro di studi sociali dell’Università di Coimbra. È inoltre coordinatore del corso internazionale CES-CLACSO su “Epistemologie del sud”. Visiting professor in diverse università e centri di ricerca, è uno dei principali pensatori critici del mondo e i suoi libri sono stati tradotti in numerose lingue.

Boaventura de Sousa Santos y la cruel pedagogía del virus

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
I agree to have my personal information transfered to MailChimp ( more information )
Autorizzo La Rete dei Numeri Pari a processare i miei dati personali secondo il Decreto Legislativo 196/2003 e/o successive integrazioni o modifiche
Noi odiamo lo spam. I tuoi dati saranno usati in conformità al Regolamento (UE) 2016/679